MOVIMENTO DANZANTE ARMONICO (Mo.D.a.): CURIAMO IL NOSTRO CORPO CON IL MOVIMENTO! di Paola Assunta Buccarella

Una parola diventa poesia, un passo diventa danza”

 “Cosa accadrebbe se, invece di limitarci a costruire la nostra esistenza, avessimo la follia o la saggezza di danzarla?”Roger Garaudy

Siamo tutti d’accordo che l’attività fisica fa bene al corpo e alla mente. “Mens sana in corpore sana” disse il poeta romano Giovenale, ma quando recitò quel detto il bel dì che fu, non si aspettava certo che il movimento fisico andasse evolvendosi nel tempo, acquisendo nuove forme, che rispecchiavano, di volta in volta, le caratteristiche, le necessità e i desideri di ogni epoca, inventando modalità sempre più all’avanguardia e reinventandosi, per rimanere al passo con i tempi, sino a diventare l’emblema di un linguaggio simbolico.

Il movimento è un’espressione tanto naturale della vita umana quanto lo è il respiro e, come le forme simboliche, serve a manifestare fisicamente i nostri intenti e le nostre aspirazioni. I nostri movimenti possono rappresentare la natura, il passato, il presente, il futuro e le diverse qualità: l’equilibrio,  l’armonia, la certezza, il coraggio, la pace, l’unione.

In questo panorama davvero entusiasmante si inserisce Movimento Danzante armonico  (Mo.D.a.) : una tecnica di espressione corporea, innovativa, a scopo preventivo e terapeutico, che insegna ad acquisire la consapevolezza del proprio corpo, nel suo insieme e nelle sue singole componenti, e nel suo movimento nello spazio. Prendiamo dunque coscienza del fatto che noi ci siamo, esistiamo, occupiamo un piccolo pezzo di mondo. E’ una tecnica per riflettere su noi stessi, sul senso da dare alla nostra vita, sul fatto che dobbiamo imparare a volerci bene.

Il Mo.D.a. utilizza una serie di esercizi coinvolgenti, rispettivamente, singole parti del corpo, singole sezioni corporee ed il corpo in toto, il tutto associato ad una postura adeguata ed ad una respirazione corretta.

Si parte da un percorso individuale e collettivo che racchiude, in tappe differenti ma complementari tra loro:

– la possibilità di espressione del corpo,

– lo sviluppo di ritmo e respiro,

– il miglioramento della percezione del corpo nello spazio,

– la coordinazione ed espressione fluido-armonica dei movimenti proposti,

– la creazione di nuovi movimenti,

– lo sviluppo finale di coreografie improvvisate individuali e/o di gruppo.

Il Mo.D.a. trae diretta ispirazione dalla Metamedicina, una particolare branca della medicina che si incentra sulla ricerca delle cause che stanno alla base dei nostri malesseri quotidiani, utilizzando la simbologia del corpo.

Si parte dunque dal presupposto che ogni sintomo, da quello più semplice a quello più complicato, è collegato ad una emozione, ad un sentimento, che può essere di gioia o tristezza, rabbia, paura, ed il nostro corpo si mette subito in moto per cercare di comunicarlo alla nostra mente razionale. Fondamentale l’utilizzo del Mo.D.a. per cogliere questo messaggio in maniera corretta.

Se, ad esempio, soffriamo di qualche disturbo, un dolore, una contrattura, una rigidità in una sezione specifica del corpo, con il Mo.D.a. andiamo a lavorare, con opportuni esercizi e movimenti specifici, su quella sezione corporea, dandole maggior tonicità, elasticità e vigore e, di seguito, passiamo ad armonizzarla con le altre sezioni del corpo. Tutto il corpo quindi, ritrovando il suo corretto equilibrio e la sua armonia, partecipa al ripristino della propria salute.

Ultimo punto ma non per importanza: la rivalutazione del ruolo del medico, che si mette sullo stesso piano del suo assistito; medico e paziente imparano a comunicare, il primo si mette in ascolto delle specifiche esigenze del secondo, di ciò che comunica con il linguaggio verbale e non verbale; non offre solo cure mediche, ma anche  un consiglio e una speranza.

“La missione di un medico non deve essere solo prevenire la malattia ma anche migliorare la qualità della vita. Ecco perchè se si cura una malattia si vince o si perde, ma se si cura una persona vi garantisco che in quel caso si vince, qualunque esito abbia la terapia.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...