Intolleranza ai lieviti: cosa mangiare e cosa evitare di Paola Assunta Buccarella

maxresdefault

 

Intolleranza ai lieviti? Gonfiore addominale, cefalea e facile stancabilità sono solo alcuni dei sintomi che possono manifestarsi in questo caso.

I principali responsabili, secondo le statistiche, sono gli alimenti contenenti nichel, frumento, latticini e tutti i prodotti lievitati.

I lieviti (come il più comune lievito di birra) sono funghi in grado di attivare la fermentazione degli zuccheri; questo tipo di reazione viene solitamente impiegata per la produzione dei tipici prodotti da forno, come ad esempio il pane, ma anche di alcuni alcolici come vino e birra.

Per ridurre o eliminarne definitivamente i sintomi occorre:

I° PASSO: masticare bene tutti gli alimenti prima di deglutirli; una masticazione troppo rapida crea una digestione incompleta dei carboidrati che, una volta arrivati nell’intestino, determineranno quei processi di fermentazionemegli noti con il nome di meteorismo e/o gonfiore addominale;

II° PASSO: modificare alcune abitudini alimentari variando un pochino la nostra dieta di modo da privilegare prodotti non fermentati.

III° PASSO: imparare a leggere correttamente le etichette degli alimenti che portiamo sulla nostra tavola.

In caso di intolleranza ai lieviti, dunque, a tavola semaforo verde per

  • Prodotti da forno senza lievito e lattosio: validissime alternative le ritroviamo sugli scaffali dei nostri supermercati;
  • Proteine come carne, pesce, pollo e uova;
  • Verdure di qualsiasi tipo, sia fresche che surgelate;
  • Frutta, da consumare con moderazione e soprattutto lontano dai pasti per evitare che dia vita, anch’essa, ai fastidiosi processi di fermentazione intestinali.

 

 

Semaforo rosso per:

  • Prodotti da forno lievitati: pane, cracker, fette biscottate, biscotti, grissini, dolci, pasticceria e panificazione in generale preparati con lievito di birra. Consiglio, almeno per i primi tempi, di assumere con moderazione anche i prodotti a fermentazione naturale, realizzati con il lievito madre;
  • Vino e birra;
  • Dadi da minestra compresi quelli vegetali;
  • Salse fermentate: salse di soia, di miso e tamari;
  • Yogurt anche se è un prodotto a fermentazione naturale;
  • Formaggi, sia freschi che stagionati, compresi ricotta, mozzarella e parmigiano. Da evitare anche il formaggio di soia (tofu).
  • Funghi. Trattandosi di miceti, proprio come i lieviti, meglio evitare tutte le tipologie di funghi anche secchi o sott’olio.

PAOLA_OK copyPaola Assunta Buccarella

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...